Menu Pianetadonna network

ATTENZIONE:
L’Utente assume la totale responsabilità anche giuridica per ogni attività da lui svolta e per ogni contenuto pubblicato e/o scambiato. (leggi le condizioni d’uso).

Si invitano gli Utenti a non pubblicare o scambiare alcuna informazione che permetta di risalire, anche indirettamente, alla propria identità o all’identità di terzi (nome, cognome, residenza, email…) e divulgare alcun tipo di dato sensibile proprio o di terzi.

Gentile Utente,
desideriamo informarti che tutti i servizi sono erogati, agli stessi termini e condizioni, da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. quale società incorporante di Banzai Media S.r.l.

X
  1. #1
    • Data Registrazione: Jun 2008
    • Località: bs provincia
    • Messaggi: 150
    • Inserzioni nell'Archivio
      147

    yogurt di kefir = latte di kefir?

    scusate non è una domanda filosofica...
    premetto che ho acquistato i grani da una utente del blog kefir ma non riesco a capire se ho preso una fregatura o se esistono diversi tipi di grani:
    1 - i miei anche se si moltiplicano in numero restano sempre minuscoli e vedendo la foto di kuklamaja (i suoi grani sembrano grandi come il cucchiaino) mi sorge qualche dubbio
    2 - al discount ho trovato il latte di kefir in bottiglia che non sembra latte ma è tipo lo yogurt da bere come consistenza, e il gusto (forse è corretta l'acidità) è più delicato del mio yogurt anche se leggermente acidulo ma molto più gradevole.

    ho provato anche a fare lo yogurt con i grani e il latte kefir ma risulta lo stesso molto acido...
    sono io troppo pretenziosa?
    quando usavo i fermenti vivi (o vermetti) crescevano in numero e in dimensioni tanto che dovevo scartarli spesso, e anche se lo yogurt era acidulo non necessitava di correzione....
    grazie
    ciao
    Pamela



    Quelli del braccino corto
    AAA.... cercasi cook creative
    Riciclart, Invenzioni, Hobby, Oggetti per persona o la casa, Rimedi Naturali o della nonna, Quello che vi va!

  2. #2
    • Data Registrazione: Sep 2006
    • Località: Firenze provincia
    • Messaggi: 1,556
    • Inserzioni nell'Archivio
      9
    Citazione Originariamente Scritto da pasticcino12 Visualizza Messaggio
    scusate non è una domanda filosofica...
    premetto che ho acquistato i grani da una utente del blog kefir ma non riesco a capire se ho preso una fregatura o se esistono diversi tipi di grani:
    1 - i miei anche se si moltiplicano in numero restano sempre minuscoli e vedendo la foto di kuklamaja (i suoi grani sembrano grandi come il cucchiaino) mi sorge qualche dubbio
    2 - al discount ho trovato il latte di kefir in bottiglia che non sembra latte ma è tipo lo yogurt da bere come consistenza, e il gusto (forse è corretta l'acidità) è più delicato del mio yogurt anche se leggermente acidulo ma molto più gradevole.

    ho provato anche a fare lo yogurt con i grani e il latte kefir ma risulta lo stesso molto acido...
    sono io troppo pretenziosa?
    quando usavo i fermenti vivi (o vermetti) crescevano in numero e in dimensioni tanto che dovevo scartarli spesso, e anche se lo yogurt era acidulo non necessitava di correzione....
    grazie
    ciao
    I grani di kefir possono inizialmente essere anche piccoli, ma poi oltre che moltiplicarsi crescono di misura e comunque non cambiano il loro aspetto morfologico.
    Non vedendoli io non posso aiutarti più di tanto, ma l'aspetto deve essere simile alle escrescenze di cavolfiore. E come hai visto sulle foto che abbiamo postato con Kuklamaja possono arrivare ad essere molto grossi (anche più di un cucchiaino!).
    Se posti una foto posso essere precisa nel dirti se sono grani di k oppure no.

    Io non ho mai comprato il "latte di kefir" mi faccio il k in casa quindi non posso dirti la differenza di sapore, so che quello che in commercio viene spacciato per k in realtà ha poco a che fare con quello vero, sia come proprietà che come sapore.
    Comunque posso dirti che il vero k (quello che si fa in casa con i grani appunto) è asprino e lievemente frizzante. il sapore ricorda molto quello dello yogurt fatto con i "vermetti".
    La consistenza è quella di uno yogurt da bere, non più densa.

    Se vuoi fare il kefir devi prima di tutto accertarti che quelli che ti sono stati dati siano effettivamente grani di k e poi devi usare esclusivamente latte (non latte di k!), fresco, uht, intero o parz. scremato, ma comunque semplicemente latte.

    Ti allego una spiegazione molto chiarificatrice riguardo alla produzione casalinga di questo prezioso prodotto, che ho appunto girato per mp ad un'altra cookina interessata:

    "Il rapporto ottimale tra grani e latte è di 1/10 (10 gr di grani e 100 ml di latte), il rapporto in volume è equilavente, per cui una tazzina da caffè di grani e 10 di latte.
    Non sciacquare mai i grani con l'acqua, per nessun motivo, la flora batterica abita in parte sulla superficie dei grani e lavarli, anche con del latte, può voler dire rovinare la simbiosi.
    Il latte non dovrebbe essere totalmente scremato, vanno benissimo tutti gli altri tipi di latte, parziale, intero, alta qualità, freschi o uht, anche di capra o altro animale da latte.

    L'ideale sarebbe unire i grani al latte a temperatura ambiente, ma io sovente lo metto gelido di frigo e viene buonissimo ugualmente.

    Dopo che hai messo i grani nel latte mescola il tutto,se il barattolo ha il tappo puoi chiuderlo e scuotere delicatamente, oppure con un cucchiaio.

    Il barattolo adesso va riposto a riposo in un luogo fresco e tranquillo (nel mobile della cucina va benissimo) e lasciato a temperatura ambiente per almeno 24 ore. Sconsigliano di lasciare i grani nel latte per più di 72 ore, pena la contaminazione dei grani. Puoi chiudere il tappo del barattolo ma meglio semplicemente coprirlo con della carta da cucina tenuta ferma da un elastico, in modo che comunque possa prender un po' d'aria.
    In queste 24 ore puoi non toccarlo oppure ogni tanto mescolare il tutto, ci sono teorie contrapposte, io se mi ricordo mescolo, sennò lo lascio tranquillo.
    Dopo 24 ore il tuo latte si sarà trasformato in una specie di budino, mescola delicatamente e filtra, i grani rimarranno nel colino e la bevanda potrà essere riposta in frigo e consumata entro una settimana.

    A seconda della temperatura, del tipo di latte e del tempo di fermentazione potresti trovare del siero verde chiaro nel tuo kefir, se vuoi lo puoi buttare (è la parte che dà il gusto acido) oppure tenere e rimescolare.
    Un'altra variabile è la crescita dei grani, che può andare dal 5% al 20% giornaliero. Aumenta sempre la quantità di latte in proporzione al peso dei grani oppure elimina una parte dei grani se vuoi mantenere sempre la stessa quantità di latte.

    Se non hai una bilancia elettronica, tieni conto che per un litro di latte ci vogliono 4 cucchiai da minestra di grani.

    I grani che via via ti troverai in più puoi regalarli, una parte congelarli come scorta, oppure mangiarli...... si, proprio così: sono un vero toccasana per 1000 cose.
    Non sono deliziosi ma nemmeno terribili, hanno il sapore del k (ma più aspro) e la consistenza è gommosa, io infatti li mando giù con un bicchier d'acqua tipo pillole e vanno giù che è una meraviglia.
    Fanno davvero tanto bene, più del k stesso. se hai un cagnolino puoi pure darne un po' a lui che ne trarrà lo stesso tuo beneficio.
    L'importante è non buttarli in quanto sono un bene davvero prezioso ed unico e sarebbe un peccato comunque...(si chiamano il dono di Allah... ricordi?)"


    Comunque, posta una foto e ci toglamo il dubbio!




    Anahì


    NON FACCIO PIU' DIETE!
    CAMMINO TANTO ... E MANGIO!!! FUNZIONA MOLTO MEGLIO.

Pagina 1 di 6 123456 »

Discussioni Simili

  1. Yogurt e kefir
    Di mary267 nel forum Curiosità
    07-11-2011
    5Risposte

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •