Menu Pianetadonna network

ATTENZIONE:
L’Utente assume la totale responsabilità anche giuridica per ogni attività da lui svolta e per ogni contenuto pubblicato e/o scambiato. (leggi le condizioni d’uso).

Si invitano gli Utenti a non pubblicare o scambiare alcuna informazione che permetta di risalire, anche indirettamente, alla propria identità o all’identità di terzi (nome, cognome, residenza, email…) e divulgare alcun tipo di dato sensibile proprio o di terzi.

Gentile Utente,
desideriamo informarti che tutti i servizi sono erogati, agli stessi termini e condizioni, da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. quale società incorporante di Banzai Media S.r.l.

X
  1. #1
    • Data Registrazione: Jun 2007
    • Messaggi: 2,290
    • Inserzioni nell'Archivio
      1

    Pasta di zucchero setosa col glucosio

    Ho notato che molti usano la mia pasta di zucchero a cui hanno dato il bellissimo nome di pdz setosa. Ho deciso di dedicarle un post perchè credo meriti di essere segnalata in modo che sia facile da rintracciare anche a chi non la conosce. Con questa mia ricetta si ha una pasta vellutata e liscia che difficilmente si crepa, inoltre può essere conservata a lungo. E' adatta per ricoprire torte e anche per realizzare decorazioni.
    Nonostante il caldo in questi giorni non mi ha creato problemi, basta farla riposare un pò se si desidera realizzare soggetti tridimenzionali. La ricetta prevede l'uso del glucosio, ma chi ha difficoltà a reperirlo può utilizzare come ha fatto Zeta la stessa quantità di miele

    Le dosi che uso sono:
    6 g di gelatina
    30 ml di acqua fredda
    70 g di glucosio liquido
    8 g di glicerina per alimenti
    16 g di burro a temperatura ambiente
    450 g di zucchero a velo industriale

    Mettere la gelatina in un pentolino con l’acqua fredda ed aspettare che questa sia tutta assorbita dalla gelatina.
    Poi mettere il pentolino sul fuoco a bagno-maria in modo che la gelatina si sciolga, quindi aggiungere il glucosio, il burro e la glicerina e sempre a bagnomaria mescolare finché non è tutto ben amalgamato.
    Fare attenzione a non far bollire il composto per questo il bagnomaria deve essere caldo ma non bollente. Mettere lo zucchero nel robot e azionarlo un po’ col solo zucchero in modo da togliere eventuali grumi, quindi versare a filo il liquido e continuare a farlo funzionare finché lo zucchero ha assorbito il liquido.
    A questo punto (non preoccuparsi se si presenta ridotto in briciole) toglierlo dalla ciotola e metterlo sul piano di lavoro ed impastarlo, con le mani come per la pasta fatta in casa finché non diventa liscio Se non si ha il robot tutto può essere fatto versando il liquido in una ciotola con lo zucchero e mescolare con un cucchiaio, poi impastare a mano.
    Io lo conservo in dispensa avvolto nella pellicola e poi messo dentro i sacchetti per congelare
    Nota: Consiglio se occorre una dose maggiore di non raddoppiare le dosi, ma di replicare la ricetta.

    Generalmente faccio la pdz la sera prima di usarla e il giorno dopo la stendo tranquillamente dopo averla lavorata un pò con le mani, basta infatti il calore delle mani per renderla nuovamente morbida. Se la pasta è di più giorni basta una veloce passata al microonde e torna come nuova. Io l'ho conservata e poi utilizzata per una settimana di più non ho avuto occasione di provare
    P.S. Consigli
    Ultimamente faccio la pdz poco prima di coprire una torta,tanto ci vuole così poco tempo, e mi trovo molto meglio.
    Per chi non ha voglia e tempo di leggere tutto il post ecco un aggiornamento
    " Le dosi della ricetta vanno rispettate alla lettera, purtroppo le bilance che abbiamo in casa non sono molto attendibili. Io per pesare l'acqua uso il misurino graduato dello sciroppo per la tosse, oppure non azzero la bilancia. Mi spiego per pesare l'acqua o altro metto sulla bilancia il pentolino che peserà 200g poi aggiungo 30 gr d'acqua e sale a 230e quindi i 6gr di gelatina in questo modo il peso è più attendibile. Non so se sono stata chiara. Se comunque la pdz dovesse venirti troppo molle aggiungere altro zucchero a velo stando attenti a non eccedere, perchè basta farla riposare un pò per avere la giusta consistenza, se viceversa nello stenderla è troppo asciutta basta impastarvi un pò di burro o ungersi le mani di burro"

    Ecco un esempio di cosa si può realizzare
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: P1040425.jpg
Visite: 33563
Dimensione: 19.7 KB
ID: 40278

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: Immagine 008.jpg
Visite: 26327
Dimensione: 21.6 KB
ID: 40279

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: Immagine 010.jpg
Visite: 27633
Dimensione: 12.8 KB
ID: 40280
    Ultima modifica di stexy; 02-08-2010 alle 09:11

  2. #2
    • Data Registrazione: Apr 2009
    • Località: calabria
    • Messaggi: 82
    • Inserzioni nell'Archivio
      39
    ciao anch'io vorrei provarla a fare, ma la glicerina dove la trovo? inoltre c'è differenza tra zucchero a velo che compro al supermercato e quello industriale? scusa le domande sciocche

Discussioni Simili

  1. colorare pasta di zucchero setosa
    Di evelyn46 nel forum ..... per le decorazioni
    06-07-2011
    5Risposte
  2. consigli su pasta di zucchero setosa
    Di soya nel forum ..... per le decorazioni
    24-02-2011
    20Risposte
  3. pasta di zucchero di setosa
    Di zucchero&caffè nel forum ..... per le decorazioni
    13-10-2010
    3Risposte
  4. Help pasta di zucchero setosa DURA!
    Di colibrì nel forum ..... per le decorazioni
    26-04-2010
    14Risposte
  5. Pasta di zucchero setosa di zeta
    Di *iaia* nel forum ..... per un dolce
    11-12-2009
    2Risposte

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •